sabato 7 febbraio 2015

L’Edilizia scolastica: una vera emergenza nazionale





* contributo inviato a Human Factor lab  . 


Sono anni che il problema degli edifici scolastici rappresenta in tutta Italia una vera e propria emergenza.
Si sono sempre succeduti veloci interventi tampone sia per la messa in sicurezza delle scuole sia per il loro miglioramento qualitativo.

E’ doveroso ricordare che ogni studente ha diritto di scegliersi il proprio percorso formativo e di conoscenza più vicino alle sue aspirazioni e al suo desiderio di crescita professionale.
Purtroppo, invece, accade che lo studente sia costretto a scegliere la scuola anche e spesso in base alla presenza di una struttura, adeguata o meno che sia.

La crisi ha visto negli ultimi anni colpire indistintamente tutti, enti locali compresi che hanno dovuto subire tagli abnormi con forti ripercussioni nell’ambito scolastico.

 Ad esempio: la manutenzione straordinaria degli edifici scolastici è scesa a soli 22 mila euro per ogni scuola, mentre la manutenzione ordinaria è arrivata alla cifra esigua di soli 8 mila euro l’anno.

Analizzando il patrimonio edilizio scolastico nazionale si riscontra che abbiamo scuole vecchie, alcune costruite addirittura durante il ventennio fascista: il 58% sono state costruite prima della nascita della normativa anti-sismica vigente.

Abbiamo il 10% degli istituti scolastici localizzati in aree ad alto rischio idrogeologico, il 41% in area a rischio sismico e circa il 9% in aree a rischio vulcanico.Addirittura il 50% degli edifici non presenta tutte le certificazioni obbligatorie e quindi abbiamo scuole fuori norma. Si è ridotto al 53% le scuole in possesso del certificato di agibilità, mentre solo il 58% possiede una idonea certificazione igienico-sanitaria, per non parlare, poi, dei requisiti di accessibilità. Infatti, il 20% degli Istituti sono completamente inaccessibili alle persone con handicap in quanto presentano ancora delle barriere architettoniche.

Altro dato preoccupante è la sperequazione territoriale tra il nord e il sud del nostro paese. Non a caso le prime 20 posizioni occupate nella graduatoria dei Comuni e delle Province virtuose in edilizia scolastica sono localizzate nel centro nord. Tutto questo crea un vero divario tra un paese ricco e florido e un altro lasciato al degrado. Una politica a discapito della eguaglianza sociale e dei pari diritti di accesso alla cultura ed alla formazione di tutti gli studenti italiani.

I dati quindi che ci arrivano sono impietosi, e delineano una fotografia delle scuole del nostro Paese degradante: non sicure, non agibili, spesso sporche, poco curate, inaccessibili alle persone con problemi di disabilità, assolutamente inadeguate alla richiesta formativa del nostro Paese.

La #Buonascuola renziana tanto propagandata da questo governo è ben lontana dall’esserlo.

Certo, si deve ammettere che qualche cosa questo governo ha cercato di fare, ma è una goccia d’acqua in un mare di problemi.

In questo quadro drammatico torna utile ricordare che la nuova legge 56/2014 (Decreto Delrio) che ha riordinato il sistema di governo di area vasta con l’istituzione delle città metropolitane e la trasformazione delle Province in Enti di secondo livello, ha fatto sì che anche alla luce di questa trasformazione le Province hanno mantenuto la competenza e la funzione dell’edilizia scolastica superiore.

Parliamo di 5179 edifici che ospitano 3226 Istituti Scolastici di scuola secondaria (Licei, compresi i Licei Artistici, gli Istituti d’Arte, la Accademie, gli Istituti Superiori per le industrie artistiche, i Convitti, le Istituzioni Educative Statali, gli Istituti Tecnici e le Scuole di formazione ), con circa due milioni e mezzo di alunni accolti in 117.300 classi e circa 4000 palestre.

Come è noto, le politiche di istruzione, formazione e orientamento sono strettamente connesse con quelle del lavoro e dell’occupazione che oggi costituiscono il problema centrale per il nostro Paese.

Dobbiamo sottolineare che in questa fase di riordino attraverso la legge 56/2014, (decreto Delrio) sono intervenuti anche dei pesantissimi ed insostenibili tagli attraverso le manovre finanziarie (2011/2014) che pesano solo per le Province per circa 2,5 miliardi di euro, mentre i Comuni hanno contribuito nel periodo (2007/2014) per il risanamento della finanza pubblica per complessivi 16 miliardi di euro, di cui circa 8 miliardi in termini di patto di stabilità interno ed altri 8 miliardi in riduzione dei trasferimenti statali. 

La già complicata situazione degli Enti Locali si è ancor più aggravata con la legge di stabilità 2015 in cui si prevedono ulteriori tagli di un miliardo di euro sui bilanci in spesa corrente per tutte le Province e le città Metropolitane.

Con questa situazione allo stato attuale è difficilissimo prevedere che gli annosi problemi dell’edilizia scolastica potranno essere risolti.
Vogliamo ricordare che le Province hanno presentato al governo attuale circa 1600 progetti di riqualificazione scolastica per un costo di circa un miliardo e trecentomila euro, ma di questi allo stato attuale il governo ha messo a disposizione risorse disponibili solo per 300 milioni di euro circa.

A questo punto diventano estremamente urgenti gli interventi proposti anche da Sinistra Ecologia Libertà che darebbero certamente respiro e soluzione a questa emergenza.

Si deve rilevare che ad oggi, ad esempio, dopo ben 18 anni dalla legge 23/96, non esiste ancora una anagrafe nazionale degli edifici scolastici che dovrebbe costituire uno strumento conoscitivo ai fini di una corretta programmazione per i diversi interventi nel settore.

Si dovrebbero inoltre iniziare ad esportare le buone pratiche amministrative già esistenti nel nostro Paese.
Ad esempio, in Toscana, esiste un ottimo sistema di monitoraggio e anagrafe che consente di accedere con estrema facilità ai finanziamenti elevando la qualità e la sicurezza degli edifici scolastici.

I pesanti tagli ai bilanci degli Enti Locali stanno mettendo a serio rischio i servizi rivolti ai cittadini . Per le Province, ad esempio, una ulteriore diminuzione del 13% delle risorse in spese correnti sta di fatto determinando la totale impossibilità di assicurare una decente e sufficiente gestione ordinaria degli Istituti Superiori come, ad esempio, il pagamento delle utenze, del riscaldamento e dell’acquisto degli arredi. Possiamo avere pure le lavagne digitali ed i registri elettronici, ma se si sta al freddo e senza tavoli o sedie non è che sia proprio una #Buonascuola .

La cosa più importante ed urgente che il governo deve fare è quella di invertire la tendenza degli ultimi anni. Se si crede ancora nella scuola pubblica quale priorità del Paese, si devono escludere dai vincoli del patto di stabilità interno tutti gli interventi che sono già progettati e consegnati al governo in tema di edilizia scolastica, per assicurare non solo la manutenzione degli Istituti, ma la loro messa a norma e sicurezza, la loro agibilità e la loro accessibilità e l’ igiene. Dobbiamo anche pensare a scuole nuove ed adeguate soprattutto nel sud del nostro paese, ad alto efficientamento energetico e corrette con la normativa antisismica. 

Dobbiamo pensare inoltre ad un’esclusione dei vincoli del patto di stabilità interno, che si potrebbero utilizzare per investimenti in riutilizzo ed adattamento di edifici del demanio statale dismessi ed adattarli in nuovi istituti scolastici, senza quindi aumentare la cubatura di cemento già presente nel nostro Paese.

Tale esclusione permetterebbe l’adeguamento degli edifici scolastici già presenti , determinando anche la scomparsa delle classi-pollaio ed eviterebbe che gli studenti siano costretti a vere e proprie transumanze da un edificio all’altro nella città per svolgere il loro corso di studi.

Insomma, al di là degli annunci, se si crede nell’ istruzione si deve investire risorse pubbliche nella stessa e credere realmente nella sua rinascita. Sarebbe solo così una vera e propria #Buonascuola.